Follow Me

                        

REVIEW - Tony Moly - "I'M REAL" Aloe mask sheet moisturizing

Oppure,  Come vendere l'anima alla Corea in 30 minuti o meno.




Buongiorno Unicorni e buon ultimo dell'anno!

Torno dopo un periodo vergognosamente lungo di assenza, lo so, ma dovevo assolutamente tornare a scrivere per parlarvi insieme alla mia adorata ninfa del prodotto rivelazione dell'anno. 

Tutto comincia in un pigro pomeriggio milanese, quando, reduci da una mattinata alla mostra sulla Madama Butterfly al museo del Teatro La Scala (se non siete andati, rimediate perché collezione artistica delle sale e allestimento a tema sono qualcosa di davvero unico), io e Anthea ci siamo messe a fare il classico giretto preparatorio per i saldi all'ombra della Madunina. Sta di fatto che bighellonando per il punto vendita Sephora di Via Dante, ci siamo imbattute nel magico mondo di Tony Moly. 

Dite quello che volete, a me fanno paura.

Tony Moly è il marchio coreano di skincare più schifosamente kawaii di tutto il globo. Packaging con sorrisi creepy, microbanane equivoche che invece si rivelano essere crimine per le mani in formato pocket, emulsioni viso incastrati in contenitori a forma di ovetti... Insomma, impacchettamenti inquietanti a parte, abbiamo optato per un trattamento last minute prima del capodanno e ci siamo fiondate in cassa con una maschera viso a testa: al pomodoro illuminante per Anthea, all'aloe vera idratante per me. 
La gamma al completo delle maschere viso Tony Moly.
Come potete vedere, ce n'è per tutti i gusti (pensavate che il diavolo lasciasse via i coperchi, eh! E invece no, siete spacciate). Come sapete ormai da anni e secoli, la mia pelle è secca, molto sensibile e con una leggera tendenza a sviluppare chiazze di couperose nella parte centrale del viso. Col freddo che sta facendo, dunque, e con il vento di m**** che c'è, mi è sembrato il caso di arraffare la variante superidratante e uscire dal negozio con estrema baldanza. 


Il sacro graal.




La faccia che vedete nella foto sopra è quella immediatamente posteriore all'apertura del pacchetto: "WHAT THE FUCK, COLA DAPPERTUTTO MACHEÈH!?". Passato il trauma dell'acquario di Genova dentro il packaging, mi sono schiaffata in faccia con avidità la pezzuola imbevuta in quella che sono convinta essere acqua di Lourdes e me la sono tenuta addosso per una buona mezz'oretta. Tempo in cui, sia chiaro, vi colerà liquido everywhere (no, non sto parlando di Jude Law che ammicca, zozze) e la maschera si raffredderà in un modo impressionante proprio sopra al vostro nasino.

Bridget Jones levati proprio.
Una volta tolta e leggermente risciacquata con dell'acqua fredda (barbatrucco per far restringere i pori, che scommetto dopo i bagordi di Natale essere diventati delle voragini senza fondo - IO VI VEDO, AMICHE DEL PANDORO CON LA NUTELLA) la magia: viso idratato, nutrito a fondo, con pelle compatta e soda dal colorito uniforme. Una roba da coro degli angeli, nirvana e valle dell'eden tutta insieme e non sto esagerando. Peccato che di maschera dentro ce n'è una, una come un diamante solitario. Ma che fortunatamente è molto più abbordabile, perché questo prodigio della tecnica con gli occhi a mandorla costa da Sephora 5.50€, su bbcreamitalia.com 1.90€ e su yesstyle.com 2.70€ (con la possibilità di accaparrarvi l'intero stock a circa 16 fischioni). 

Non mi resta che consigliarvi di passare al lato oscuro della cosmetica e di correre a leggere il post della mia cara Anthea qui. 

Vi auguro un 2017 pieno di cose belle, unicorni in rollerblades e Jon Snow (<- Anthea non svenirmi appena apri questo regalino)!


The Doubleplusgood

1 comment:

  1. *_* Per le parole rimandiamo all'anno nuovo, io vado a brindare con Jon Snow <3 :-*

    ReplyDelete

© The Doubleplusgood. Powered by Blogger.