Follow Me

                        

BLOGGER SWITCH - Il Bosco di Anthea - My hair in in technicolor:tutto-ma proprio tutto- sull'henné

Cari lettori, buonasera. Schivando i pomodori che piovono visto il mio prolungato silenzio, vi presento una brillante collega di blogging, nonché cara amica: Anthea di Il bosco di Anthea. Appassionatissima di eco-bio e spignattatrice provetta, la mia adorata ninfa condivide con me la passione per il makeup, per la cura del corpo (e dello spirito), per il cibo biologico e soprattutto per la Natura in tutte le sue forme. Per farvela conoscere, abbiamo pensato a una breve incursione di ognuna nel blog dell'altra con un articolo rappresentativo del nostro stile e della nostra mission
L'unica regola per leggere oltre? Non affrontare mai un suo post senza una tazza di the fumante, come durante le nostre lunghe chiacchierate d'autunno!

Ciao a tutti, questa volta vi scrivo da un altro blog..eheh! Ebbene si io e la blogger Doubleplusgood abbiamo deciso di condividere le nostre esperienze scambiandoci due post. Il mio sarà pubblicato sul suo blog e viceversa. Quello di cui voglio parlare in questa exchange è il tanto famigerato Hennè.







La lawsonia inermis, così il suo nome scientifico, è una pianta, o meglio, un grosso cespuglio che cresce in climi caldi e secchi specialmente nelle coste nord-orientali dell'Africa (Egitto, Marocco) e a sud dell'Asia (dalla Turchia e l'Arabia Saudita passando per l'Iran, l'India fino alla Thailandia) dove veniva usato dalle donne come erba tinctoria per capelli e unghie già 8000 anni fa.
*Che parte di pianta viene utilizzata? Le sue foglie, che contengono un solo tipo di molecola in grado di pigmentare: il lawsone, vengono raccolte, fatte essicare e polverizzate; in particolare si usa l'hennè a più alto contenuto colorante (il 5% del raccolto) finemente setacciato per fare disegni su pelle e unghie, antica usanza durante le celebrazioni in Africa settentrionale, nel Medio Oriente e nell'Asia del sud. il colore che si ottiene da questa pianta è uno solo, variabile secondo diverse sfumature a seconda del tipo di terreno e al clima dove viene coltivato.
immagine
Come avete notato dall'immagine quindi il colore che si ricava non è modulabile, o meglio vira sempre sulle sfumature rosse/aranciate, per ottenere altre sfumature viene mescolato con pigmenti sintetici, sali metallici (tossici) o pigmenti naturali derivati da altre piante (indigo, cassia, amla).
-->Importante IMPORTANTISSIMO: l'hennè di buona qualità non contiene sostanze aggiunte, nell'inci dovrà quindi esserci scritto solo ed esclusivamente lawsonia inermis.
*Come avviene la "colorazione" del capello?
Il colore che si ottiene dipende esclusivamente dal colore naturale dei capelli. Questo perchè non avviene una colorazione dove l'hennè si sovrappone sul capello bensì una reazione chimica (se così si può chiamare: noob in chimica -.-'') per cui le molecole di colorante (il lawsone per l'appunto) penetrano e si legano alla cheratina che circonda il cuore del capelli, rendendoli spessi, forti, setosi, lucidissimi e riparadno i danni derivati da trattamenti chimici! Quindi il colore finale sarà differente per ogni tipologia di capello e per ogni persona, poichè il colore translucido dell'hennè andrà ad armonizzarsi con il proprio capello.
--> IMPORTANTISSSIMO VOL.II: con la "colorazione" da hennè non avremo la famosa "ricrescita" come per le comuni tinte, poichè questa reazione tra lawsone e cheratina piano piano sbiadirà fino a tornare al colore originario del capello. Si noterà una leggera, ma leggerissima, differenza tra il capello di nuova crescita e quello "colorato", ma questo avviene soprattutto dopo tanti trattamenti.
immagine
*Accorgimenti prima di preparare l'hennè: i capelli trattati con decoloranti, tinture chimiche o permanenti reagiscono malamente a contatto con composti di hennè contenenti sali metallici e additivi chimici (aggiunti clandestinamente per "aumentare" la resa del colore e aumentarne la quantità in commercio): potrebbero diventare verdi, porpora o addirittura bruciarsi completamente. Per questo è mooooolto importante accurarsi di comprare una polvere di hennè PURO al 100% (quello dei tatuaggi per esempio o comprato da fornitori affidabili) che non contiene metalli e non stratifica sui capelli e non crea quindi  alcun danno.

Ma passiamo ora alla pratica vera e propria...
*Preparare l'hennè: vi spiegherò come preparare questa tintura, o meglio come la preparo io, con i miei trucchetti, le mie osservazioni e i miei consigli che ho affinato da due anni a questa parte quando ho cominciato a usarlo. Ho provato molti tipi di hennè: uno per così dire "clandestino" ovvero importato dal marocco dopo una vacanza dei miei (ammetto che non sapevo cosa in realtà ci fosse dentro ma essendo una porzione per un solo utilizzo e non avendo capelli tinti chimicamente non rischiavo molto), hennè dello Yemen, hennè del Rajasthan ed hennè dell'Egitto (questi ultimi tre ordinati su Aroma-Zone e quindi affidabili con inci 100% puro). Quello che ho utilizzato per ultimo appena prima di scrivere questo post è dell'Egitto....



Ho usato 300g di polvere poichè ho i capelli lunghi fino a metà schiena (in fondo al post vi scrivo tutte le quantità per lunghezza di capelli) a cui ho aggiunto:
-succo di 3 limoni
-due vasettini monodose (125 gr) di yogurt bianco (insieme al limone questi due ingredienti acidi servono per "attivare" la molecola di lawsone
-acqua calda ma non bollente fino a raggiungere una consistenza cremosa comoda da spalmare sui capelli ma non troppo liquida da colare (ATTENZIONE: aggiungendo acqua calda il colore virerà più sull'aranciato/ottone, per averlo invece di un bel rosso intenso aggiungete solo succo di limone. Io ho aggiunto acqua se no consumavo i limoni di tutta la Sicilia per ottenere una bella pastella eheh).




Dopodichè bisogna coprire la ciotola con la pellicola trasparente e lasciare riposare l'hennè per 12ore ad una temperatura di circa 21°C: questo rilento rilascio acido darà i risultati migliori.
Una volta pronta si potrà applicare l'erba tinctoria sui capelli asciutti e puliti, nello stesso modo in cui la parrucchiera mette la tinta (poi ognuno man mano acquisirà la propria tecnica) facendo attenzione di coprire tutti i capelli e anche le radici eventualmente aiutandosi con le mani con su i guanti e perchè no pastricciando un po' effetto shampoo (non c'è nulla di chimico che può far male). Una volta finito impacchettarsi per benino con la pellicola trasparente facendo attenzione che non coli nulla e attendere per almeno un'ora: più si attende più il lawsone si lega con la cheratina e rende il colore più vivo. Io di solito lascio passare 3/4 dopodichè lavo via tutto: armatevi di pazienza e sciacquate finchè i vostri capelli non perderanno più la polvere. Siccome l'hennè secca molto il capello applicate anche un po' di balsamo.
Et voilà la tintura di hennè è fatta...
*Qualche considerazione??
Siccome stiamo applicando sui capelli delle sostanze naturali è ovvio che avranno anche un odore naturale, non schifatevi quindi se sentite odore di corteccia, erba o semplicemente di natura, i vostri capelli ne saranno grati fidatevi con un paio di lavaggi se ne andrà.

Qui di seguito vi mostro i miei capelli prima e dopo l'applicazione dell'hennè così potete farvi un'idea degli effetti. Fate conto che io ho già fatto questo trattamento 3 o anche più volte quindi quello che vedete non è il mio colore naturale eccetto in cima alla testa (spero riusciate a notarlo) su cui è possibile vedere la ricrescita più scura e marrone (perchè sono 8mesi che non facevo l'hennè) che però si nota molto poco e facendo molta attenzione.



Dopo 5 giorni dall'applicazione ho lavato i capelli e questo è stato il risultato:




Ecco le dosi di polvere da utilizzare in base alla lunghezza dei vostri capelli:
* 100 gr per colorare i capelli CORTI;
* 200 gr per colorare i capelli lisci lunghi SINO AL COLLO;
* 300 gr per colorare i capelli lisci lunghi SINO ALLE SPALLE;
* 500 gr per colorare i capelli lisci lunghi SINO ALLA VITA.

PICCOLI ACCORGIMENTI:
-Non usate attrezzi di metallo, poichè la polvere di hennè ha la capacità di ossidare potrebbere "reagire male" a contatto coi metalli generando reazioni chimiche strane (non vi so dir di più perchè come vi ho detto sono una frana in chimica però è meglio fidarsi): utilizzate quindi attrezzi e ciotole di plastica, vetro o meglio ancora legno.
-Durante la fase di applicazione coprite TUTTA l'area di lavoro di giornali e vestitevi con vestiti brutti che possono rovinarvi: l'hennè colora di tutto dai ripiani dei mobili, ai vestiti quindi fate in modo che sia tutto bene al sicuro.
-Una volta stesa tutta la pastella sui capelli pulitevi ai bordi della faccia, le orecchie e sotto la nuca: ricordate vero che l'hennè viene utilizzato per i tatuaggi sulla pelle? Ecco appunto. Altrimenti prima di applicare la pastella applicate della crema idratante (anche se io sinceramente questo secondo metodo non l'ho trovato molto efficace).
-Non spaventatevi se nei lavaggi successivi i vostri capelli perdono ancora colore, l'ossidazione va avanti poichè il capello impega un po' di tempo prima di raggiungere il colore finale.

Penso di aver condiviso con voi tuuuuuutto ciò che ho appreso da questa unica e antica tradizione, anzi sicuramente ho dimenticato qualcosa che mi verrà in mente troppo tardi! XD Spero di non avervi tediato e che vi sia piaciuto. Non esitate a commentare per dubbi, consigli, correzioni: mi piace conoscere ricette e rimedi nuovi e migliorare la mia esperienza!
A presto!
Anthea


E allora? Non è bravissima? Date un occhio al suo blog, il meglio deve ancora venire!
LANCIAMOLE CUORIIIIIIII! *-* 

The Doubleplusgood

No comments:

Post a Comment

© The Doubleplusgood. Powered by Blogger.