Follow Me

                        

What's in my beauty - On the road edition

Dopo avervi iniziato ai segreti della mia borsa da mare, mi sembra politically correct mostrarvi cosa butto nello zaino da montagna. Chi mi conosce lo sa, non sono fatta per la vita da spiaggia tutta sdraio, sole e bagno fino alle ginocchia per lasciare capelli e trucco waterproof intatto; le vere vacanze per me sono tra calette selvagge, in montagna o on the road all'avventura col naso per aria (Carlotta ora non ci stupiamo del tuo eritema solare sulle punte dei piedi, molto bene). In contesti come questi, è impensabile portarsi dietro il mondo, anche perchè spesso e sovente il suddetto mondo alberga in un cinquanta litri che dobbiamo portarci in spalla per una settimana buona, insieme a tenda e sacco a pelo. Dunque, se i cambi sono ridotti all'osso (e alla saponetta di emergenza), figuriamoci il beauty. Scaltra come una volpe, più che un nécessaire, uso frammentare la situa e portarmene dietro due super minimal e soprattutto comodi da tirar fuori anche nelle situazioni più estreme, nella maggior parte dei casi a zonzo per i sentieri o sulla via del ritorno quando inizia a fare buio.  



Il primo contiene il reparto skincare. Il mio amatissimo Latte solare spray di Avène con SPF 50+ (di cui vi ho parlato qui) con i suoi amichetti burro labbra Piz Buin SPF 30 e Stick solare SPF 50+ La Roche Posay (per le zone più sensibili) non possono mancare. Con loro porto un anti-puntura in stick, in foto vedete quello di Vape 100% vegetale, affettuosamente soprannominato "il male" perché non gli basta fare schifo, ma unge e si sgretola appena lo si appoggia su qualsivoglia tipologia di tegumento, che sia esso umano, animale o vegetale: la speranza è quella di finirlo o di sbatterlo in un cassonetto con estremo sadismo e senza pietà alcuna. Oltre al deodorante, il mio amatissimo Cien Natural Minerals (Lidl, tappo verde, 1.29€, SAPEVATELO, COMPRATELO, AMATELO) che deodora e profuma per tutta la giornata e che molto furbescamente mi sono dimenticata di includere in foto, porto sempre con me un tubetto di Gel d'aloe: sto testando quello di Aloe Gobino, acciuffato da Eataly a Genova la scorsa settimana, molto diverso da quello di Equilibra per l'odore meno plasticoso e la consistenza più compatta e gelatinosa. Per ora mi piace. 


Il secondo beauty contiene quelle due o tre cosette di makeup che nonostante i mille gradi e i trilioni di passi mi facciano sentire umana. 


Come prima cosa, il correttore: posso vivere senza cipria senza problemi, ma le occhiaie devono DEVONO sparire. Il mio preferito è anche - grazie al cielo - super-economico, si tratta dell'Essence Stay all day longlasting concealer nella tonalità Soft beige, quattro euro di magia e Pandistelle. Dopo aver cancellato le magagne, illumino la palpebra mobile con un color cipria (Kiko, Longlasting stick eyeshadow n. 46) o con un color rosa dorato (n. 21) e do' un tocco di colore alla rima interna inferiore con un color pervinca (n. 31); mi piacciono molto questi matitoni perché sono facili da stendere e da sfumare, poi si fissano e resistono bene a lacrime e sudore, cose che capitano non di rado quando si cammina in vetta o nelle giornate molto ventose. Se proprio ho voglia di strafare - o, più probabilmente, vado a fare due passi di sera in qualche paesino - sistemo alla buona le sopracciglia con il mascara in gel di Essence (tonalità Browny brow) e mi affido a una matita color burro nella rima interna (in foto ho inserito la Intonation shell di Kiko, di una vecchia edizione limitata), una linea sottile di eyeliner nero e una bella chilata di mascara nero o blu elettrico per dare un tocco pop; quest'anno, oltre all'ormai famosissimo I love Extreme di Essence, mi porterò dietro due pezzi dell'ultima collezione di Kiko, la Miami beach babes, un eyeliner click system e un mascara colorato, che non sono waterproof ma sono molto semplici da struccare e voglio vedere come si comporteranno in azione durante le escursioni. Come blush porterò questo di Catrice, che trovo comodissimo perché la confezione a pallina (termini tecnici e grande esperienza, ndr) permette di distribuire la polvere direttamente dal packaging e sfumarla con le dita. Anche quest'anno NIENTE PENNELLI, ohyeah!! Infine, per le labbra opterò per i miei due fidati, citati e ri-citati, HibisKiss di Crazy Roumors nei colori Breeze e Sunset, di cui probabilmente avrete pieni i cosiddetti.


Da non dimenticare il mio mini-pot di Lush con un pezzettino di Maisenza e un campioncino di siero viso idratazione intensiva, quest'anno proverò quello di Bioearth. Nel caso in cui non dovesse bastare il siero per le zone più delicate, mi porto dietro anche del burro di Albicocca de Le erbe di Janas, ottimo trattamento notte intensivo per il contorno occhi e il contorno labbra sbruciacchiato dal sole. 


Per fare la boss anche sui sentieri, non posso non portarmi le mie forcine powah con le perline, che fanno molto alpinista del ghetto col big money. 

(La felpa sullo sfondo è di Element, le cuffie sono di Sony, comodissime da portarsi in giro grazie al filo luuuuungo, agli amplificatori snodabili e al cerchietto morbido e regolabile)

E voi? Preferite mare, città o montagna? 

The Doubleplusgood

5 comments:

  1. Io montagna, senza esitazione. Non so cosa darei per tornare nel mio amato Tirolo ma quest'anno sono bloccata in città, mannaggia. Sono molto colpita dall'assenza di pennelli. Io senza non riuscirei a vivere, li amo troppo e me li porterei ovunque. Bravissima anche a ridurre all'osso i prodotti da portare, io sono pessima quando si tratta di mettere insieme i beauty da viaggio. Servono almeno 5 diverse opzioni rossetto, no? ;)

    ReplyDelete
    Replies
    1. Ahahah! Quanto è vero!! Quando sono in appartamento e ho la possibilità di truccarmi con calma anche io non rinuncio a pennelli e rossetti: la scorsa estate ne ho portati dieci, uno per giorno! ;) Ho imparato a portarmi dietro il minimo (e a piacermi con il minimo) stando in giro tutto il giorno e andando a dormire per rifugi... Le partenze all'alba e il tetris nello zaino non consentono coccole mattutine, purtroppo!

      Delete
  2. Io in questo momento sono al mare! Però trovo che anche la montagna abbia il suo fascino :) trovo che ti sia portata dietro il giusto necessario. Io sono una frana nell'organizzazione del beauty, spesso porto un po' troppe cose soprattutto di make up (ai rossetti non so rinunciare) xD

    ReplyDelete
    Replies
    1. I rossetti sono una croce anche per me, li porterei sempre dietro tutti! *-* Quest'anno però mi sono dovuta dare una regolata perché, cambiando alloggio ogni sera, lo zaino doveva contenere tutto il necessario e al contempo essere abbastanza confortevole da garantirmi una giornata di cammino tranquilla. Ma adesso che partirò con i miei e avremo un appartamento di appoggio, il mio beauty tornerà a pesare cinque chili. ;-)

      Delete
  3. Io invece l'opposto, ho cercato di ridurre all'osso il mio beauty (ero in campeggio al mare quindi anche io nn avevo troppi comfort) però qualche robetta in più l'ho portata (lol) compresi i pennelli...però sorpresa assoluta quest'anno ho usato solo l'indispensabile e i pennelli neanche li ho toccati..sarà stato il caldo e il tram tram della vacanza sempre in giro per posti nuovi..a saperlo prima la mia valigia sarebbe pesate meno -.-''''

    ReplyDelete

© The Doubleplusgood. Powered by Blogger.