Follow Me

                        

TAG - The Sweet Juicy Summer Challenge - My Beach/Pool Essentials

Tag chiama, Carlotta risponde. In questo caso rispondo a Consiglidimakeup e a Whatsinmybag, le favolose inventrici di questo bel Summer challenge, di cui vi consiglio caldamente i blog.

Siete pronte? E allora vai col tango!



PROTEZIONE SOLARE: LATTE SPRAY AVENE SPF 50+ PER PELLI SENSIBILI

Da tre anni ormai sono fedele a questo solare: è resistente all'acqua, non fa scia bianca e soprattutto non da' quella fastidiosa sensazione di unticcio sulla pelle. L'ho comprato per la prima volta in vacanza in montagna e posso dire di averlo messo a prova durissima (nello specifico in un'escursione di 7 ore con 1200 metri di dislivello per un totale di 10 km sotto il sole a picco) senza che facesse una piega. Promosso a pieni voti. Da brava cucciolo di dalmata, lo uso in combo con uno STICK SOLARE 50+ da applicare sui nei e sulle zone delicate del volto, come il contorno occhi o le labbra; quest'anno mi sono affidata a LA ROCHE POSAY, ma ho provato anche gli stick di Avène e dell'Erbolario e mi sono trovata molto bene. Su consiglio del dermatologo, nel mio zaino non può mancare nemmeno un BURROCACAO CON SPF, quello in foto è di PIZ BUIN; non è il massimo dell'idratazione (grazie al mazzo, è una botta di petrolio, ndr), ma poco importa, ne metto poco e solo per espormi, giusto per evitare che spuntino le simpatiche bolle di herpes.
Un'alternativa eco-bio potrebbe essere il solare SPORTPROOF SUNSCREEN di BADGER con SPF 36, che contiene filtri fisici e ossido di zinco. Lo consiglio, appunto, a chi è amante degli sport acquatici o del beach volley, dal momento che la formula è molto densa e sulla pelle crea uno schermo persistente (sssssscieghimigheh!). Sotto indicazione del dermatologo e con mio grande rammarico, non posso usare prodotti eco-bio per quanto riguarda l'esposizione al sole, dal momento che ho una pelle sensibile medio-chiara con molti nei congeniti e con tendenza a formarne di nuovi, ma se volete saperne di più a riguardo, vi invito a visitare la versione di questa Challenge della cara Anthea (link).

Momento consciousness: INVESTITE IN UN BUON SOLARE, LA PELLE E' UN ORGANO A TUTTI GLI EFFETTI E VA PROTETTO DAI RAGGI UVA-UVB. Mollate l'olio Johnson's, mollate gli oli solari "SPF" 0, 5, 6, violette e cincillà, mollate gli abbronzanti: non è protezione solare se è meno di SPF 15 (che rimane in ogni caso la più bassa). Una pelle non protetta si ammala: i raggi solari la lesionano causando la comparsa di melanomi e macchie. Non mi stancherò mai di ripetere che la protezione va riapplicata con costanza ogni due o tre ore (anche gli unicorni sudano, specialmente d'estate, deal with it) e che non bisogna mai esporsi al sole nelle ore più calde della giornata, e cioè tra le 12 e le 16. 


ACQUA TERMALE AVENE

La conosciamo tutti e sappiamo tutti che va con tutto. Tipo un tubino nero. O un litro di the.

BURRO DI COCCO AKAMUTI

Quest'anno vorrei provare a salvare i miei capelli dal sole e dalla salsedine con il metodo più naturale possibile e l'olio di cocco sembra essere perfetto. Visto che con questo caldo becero ormai è del tutto liquefatto, pensavo di travasarne metà in uno spruzzino e portarmelo dietro a mo' di spray protettivo
Per intanto l'ho usato come impacco pre-shampoo dopo una giornata in piscina; non avendo i capelli secchi né unti, ho valutato un tempo di posa di 10 minuti e sono stata ben attenta a non toccare la cute nel distribuirlo. Una passata di shampoo al cacao, risciacquo e via. Il risultato? Capelli morbidi, riparati e soprattutto profumati del mio Kinder Pinguì preferito. *-*



LIBRO

Esiste la spiaggia senza il libro? No. 
Esiste la spiaggia senza la scusa del libro per cimentarci nell'osservazione della fauna circostante? No.
Quest'anno mi porto dietro La preda di Irène Némirovsky, un libro in cui il destino ha voluto farmi imbattere in un momento molto particolare della mia vita.

BUSTINA S.O.S. ( a.k.a. Supporto Oscenità da Spiaggia)

Quegli aperitivi che ti piombano tra capo e collo dopo un bagno di tre ore con tuffi, capriole e cretinaggini tra amici. Avete presente, no? Ecco. Questa è la bustina del salvataggio. Dentro c'è:
- Gel d'aloe -> per lenire la pelle dopo l'esposizione
- Un costume intero e un pareo -> alias, dell'assemblage tattico
- Un correttore, un mascara waterproof e un balsamo labbra colorato -> l'aggiustatina indispensabile
- Un paio di orecchini oppure un bracciale etnico -> il tocco di classe
- Un paio di sandali flat neri -> scalza è sconveniente
... Dieci minuti e les jeux sont faits
Pronte per conquistare il mondo. 
Più probabilmente l'impepata di cozze del buffet.  

Ho volontariamente omesso per ovvietà il bikini (facoltativo per le più estreme), il telo mare e gli occhiali da sole. E la borsa frigo farcita dalla mamma.

Non sto nemmeno a dirvi che siete tutte taggate e che sono curiosissima di ficcare il naso nelle vostre borse spiaggia! 



The Doubleplusgood

No comments:

Post a Comment

© The Doubleplusgood. Powered by Blogger.