Follow Me

                        

HAUL - Saldi estivi - Kiko - Prime impressioni, swatch e look

I saldi mi attraggono come le mosche il miele, è più forte di me. Sono una boccalona del pakaging e un'assatanata delle limited edition, anche se ultimamente, come avevo scritto ere geologiche fa sul post degli smaltiti, ho fatto tesoro dei consigli di Daniela e il mio portafogli ringrazia.  

Eniuei, una capatina da Kiko l'ho fatta, anzi un paio, una per curiosare e una per colpire: da un po' di tempo mi sono data agli ombretti in crema, mi piace spatasciarmeli in faccia alla velocità del suono prima di uscire, accecarmi con il mascara e via, quindi ho deciso che almeno un pot della collezione Boulevard Rock doveva essere mio. Ho scelto per 4 € il numero 105, Adrenaline Lime, perché ultimamente sono in fissa con il verde (Peyote e Zoe vi BRAMO) e con gli illuminanti duochrome all'interno dell'occhio e questo qui è un color burro pieno di microminiglitter verde mela. *-* La consistenza è quella di una mousse abbastanza sfumabile, che dopo circa un minuto si inchioda alla palpebra e non si leva più se non con l'olio di cocco o lo struccante waterproof. Su di me è durato intonso e senza primer circa 6 ore, poi ha iniziato pian pianino a grattarsi andarsene via dall'occhio e dalla faccia della galassia. 




Insieme agli ombretti in crema, ero molto curiosa di provare le Rock Idol Lipstick sempre della L.E. Boulevard Rock, per noi umani delle matite rossetto twist up dal finish satinato (che dopo una manciata di minuti diventa opaco), e ho scelto la numero 03, un bell'arancio corallo acceso. La texture del prodotto è scorrevole ma asciutta, molto particolare e a mio parere molto piacevole, dal momento che crea un film di colore sottilissimo sulle labbra, pur non seccandole. Il mio consiglio è di idratare bene le labbra, onde evitare che si vedano pellicine/orrori vari e soprattutto che il rossetto si sgretoli via a pezzettini dopo tre o quattro ore: con un bello scrub e un velo di burro cacao sotto, su di me è durato cinque ore ed è venuto via a cena in modo abbastanza uniforme. Per ora e per altri 4 €, mi piace, non escludo di comprarne altre.



Lossò che avrete una faccia inorridita. Lossò che questo è un ripescone prodotto della scorsa collezione autunnale (KIKO, MADDAVERO? Cioè, le altre volte ai rimasugli repromote almeno gli cambiavi il pakaging) , ma avevo bisogno di un blush in stick/crema aranciato che mi facesse da base o da layering per altri blush che non durano una mazza o che mi stanno da cani (tipo rosa Barbie freddi come la morte). Non avendo una ventella da spendere per i twist-up Collistar né TRENTASEI (attenzione) fischioni per l'ormai sbavatissimo Fantastic di Chanel (ma questa è un'altra storia), ho voluto dare una chance ai Velvet Stick Blush della L.E. Dark Heroine, al modico prezzo di 3 €: devo dire che non sono male. Mi spiego. Punto primo, odorano di rossetto MAC; punto secondo, paiono davvero degli aggeggi cream to powder, tant'è che il mattino applico il mio 01 Apricot (un bell'albicocca chiaro opaco con qualche sbrillino a caso) sulle guance direttamente dallo stick e lo sfumo per bene verso le tempie con un pennello viso angolato; punto terzo, da solo mi dura sulle tre orette, ma come base prolunga la durata del blush in polvere fino alle sette ore. Come primo approccio ai blush in stick sono soddisfatta. 



Swatches:


Per concludere in bellezza, avevo bisogno di un mascara waterproof per evitare che il caldo mi avvicinasse nell'aspetto a un simpatico panda. Già che c'ero, ne ho approfittato e ho acciuffato lo Sportproof mascara della L.E. Active Colours, pagato 7,90 € non in saldo. La formula è secca, il colore è opaco e lo scovolo morbido e abbastanza fitto, ricorda vagamente quello del mio adorato Le Volume de Chanel (so che sembra una bestemmia fotonica, ma è così), solo non in elastomero. Come primo test, ho piegato le ciglia, l'ho indossato e sono andata a correre: dopo un'ora sudata sotto il sole il mascara non si è sgretolato, non è colato, ma soprattutto le ciglia erano rimaste ben volumizzate e incurvate, solo un filino indurite (e la cosa mi da' un po' fastidio, alla lunga). Per struccarlo, un massaggino di 40 secondi (Clio docet) con l'olio di cocco, una passata di acqua micellare (BIODEVMA, vigovosamente), sciacquino e andale. Sembra il Nirvana, speriamo che duri.











The Doubleplusgood

2 comments:

  1. mi sarebbe piaciuto prendere un matitone Rock Idol ma è una delle poche cose che non ho beccato in saldo...

    ReplyDelete
  2. Ciao Misato :-) all'alba di un anno dopo (shame on me) ho scoperto che in alcuni punti vendita e negli outlet questi matitoni sono ancora disponibili. In alternativa, non mi sto trovando male con quelli usciti con la Generation Next: il finish è opaco, le uniche pecche sono che non si fissano alle labbra e la gamma cromatica proposta non è super originale.

    ReplyDelete

© The Doubleplusgood. Powered by Blogger.